13 luglio 2012

FOLLIA

Genova - Nel capoluogo ligure, il tribunale del Riesame ha rigettato le istanze di quattro ultrà del Genoa per ottenere l’attenuazione delle misure cautelari e ha annullato quella di un quinto dei supporter rossoblù rimasti coinvolti nel pomeriggio di follia di Genoa-Siena. L’ordinanza annullata è quella dell’unico incensurato del gruppo, che aveva l’obbligo di dimora in provincia di Genova e il divieto di uscire di casa dalle 23 alle 7. Diverso, invece, il caso di Mario Demontis, ritenuto dalla polizia uno dei protagonisti di quanto avvenne quel 22 aprile e capogruppo della Brigata Speloncia: il suo difensore, Michele Ispodamia, ha riferito che stanno valutando se ricorrere in Cassazione. Al momento Demontis ha l’obbligo di dimora e il divieto di uscire di casa dalle 20 alle 7. Ieri gli stessi giudici del Riesame avevano rigettato altre cinque istanze presentate dai difensori per ottenere l’annullamento dell’ordinanza di misura cautelare o, eventualmente, una misura più lieve.

Nessun commento: