11 giugno 2011

NAPOLI-JUVENTUS

Fonte: Roma
Erano finiti sono inchiesta perché avevano acceso dei fumogeni ed esploso dei petardi al di fuori dello Stadio San Paolo di Napoli. Era la stagione del 2008 e il Napoli giocava contro la Juventus ma con le due curve, la A e la B, chiuse al pubblico. Un provvedimento assurdo scaturito dopo la famosa trasferta romana dove si è scoperto di tutto e di più sulle reali responsabilità dei tifosi del Napoli e dell’organizzazione pessima di Trenitalia. Ebbene in quell’occasione furono fermati Alessandro Cosentino, capo dei Fedayn, gruppo storico della curva B. Con lui il capo della Masseria Cardone, Fabio Caprioli, della curva A, e Massimiliano Mantice. Ieri per loro era il giorno del processo dinanzi all sesta sezione penale del Tribunale di Napoli. Il giudice Castaldi, accogliendo in toto le tesi tra gli altri dell’avvocato Giorgio Pace, ha assolto i tre imputati da ogni accusa. Nel frattempo però hanno anche avuto il Daspo, il provvedimento di allontanamento dai campi di gioco per cinque anni. Ovviamente i legali sono pronti a dare battaglia anche per cercare di eliminare il provvedimento che alla luce della sentenza di assoluzione piena potrebbe sembrare spropositato.
V.B

Nessun commento: