23 giugno 2011

LEGGE-STADI

ROMA, 23 giugno 2011 - "Dalla morte dell'ispettore Raciti sono passati cinque anni (2 febbraio 2007, ndr), ma sembra un secolo fa rispetto ad allora. La situazione è molto migliorata. La Tessera del tifoso è una iniziativa importante, che proponiamo a tutti i campionati europei perchè è un'esperienza che va condivisa". Così il ministro dell'Interno Roberto Maroni allo Standing Committee del Consiglio d'Europa per il contrasto della violenza nelle manifestazioni sportive. "In seguito a quell'episodio siamo stati costretti a prendere misure importanti - ha spiegato Maroni -. Non ho mai pensato che la questione della sicurezza sia solo un problema di ordine pubblico: il nostro lavoro è andato nella direzione di prevenire le violenze negli stadi, non reprimerle". Maroni ha ricordato i dati che vedono diminuiti il numero di feriti tra forze dell'ordine e tifosi negli ultimi cinque anni (rispettivamente dell'81% e del 58%). "Abbiamo resistito alle dure contestazioni iniziali, i risultati sono arrivati e siamo molto soddisfatti". Il ministro ha poi ribadito l'importanza dell'approvazione della legge sugli stadi di proprietà: "Sarebbe un vantaggio anche in termini di sicurezza.Speriamo che entro l'estate il Parlamento approvi la legge sugli stadi di proprietà. C'è l'accordo di tutti ed è il tassello mancante nella politica della sicurezza delle manifestazioni sportive. Vogliamo che gli stadi siano di proprietà dei club, così saranno più vissuti, più controllati e quindi più sicuri".
Abete col presidente della Lega di A, Beretta. Lapresse
Abete col presidente della Lega di A, Beretta. Lapresse
abetE RILANCIA — Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha commentato soddisfatto: "I miglioramenti ci sono stati, è evidente, e sono stati confermati dalle parole del responsabile della sicurezza Uefa, che ha dato atto all'Italia di aver fatto passi in avanti fondamentali, richiederà tempi tecnici, importante è andare su tempi giusti per l'approvazione della legge sugli stadi, collegata alla sicurezza, alla funzionalità e alle risultanze economiche di una corretta utilizzazione di un impianto. Tutto per recuperare la nostra competitività nel mondo. Il ruolo delle società cresce in maniera significativa. Si deve attivare un migliore rapporto con i tifosi. Il progetto 2011-12 favorisce una sorte di dipartimento tifosi, un rapporto più pregnante con i tifosi. La Tessera del tifoso ha avuto una adesione importante, più di 750mila tessere rilasciate nella scorsa stagione. Gli stadi sono una necessità. La differenza la fa la cultura delle persone, il calcio merita rispetto, è un gioco e durante la partita non ci sono nemici. Bisogna lavorare anche sulla sorveglianza ma la priorità è nella capacità preventiva e di educazione". Il presidente Figc ha parlato anche di calcioscommesse: "Penso che i tempi saranno rispettati. L'inchiesta sarà ancora lunga, si attiveranno gli iter che consentono la valutazione sulla documentazione esistente agli atti: ci sono stati mesi di intercettazioni e quindi ci sono le condizioni per fare una valutazione sul versante sportivo su cosa è emerso dall'inchiesta di Cremona. Sarà reso disponibile il calendario delle audizioni. Si sentiranno i soggetti interessati, la Federazione mette a disposizione tutti gli strumenti organizzativi che consentono di fare presto e bene".
Gasport

Nessun commento: