23 maggio 2011

CON SIMONE

A partire da lunedì l’ufficio di assistenza protesica dell’Asl di via Monginevro sarà vietato ai disabili e soprattutto ad un dipendente, Simone Stara, costretto su una carrozzina. L’Asl ha deciso di spostare nel seminterrato alcuni uffici, tra cui quello in cui Simone lavora come coadiutore al servizio protesico. L’unico modo per un disabile di raggiungere il seminterrato sarebbe l’ascensore ma il condizionale è d’obbligo visto che le carrozzine non riescono ad entrarvi. Questo nonostante le normative, in caso di realizzazione di nuovi locali, prescrivano l’obbligo di garantire l’accessibilità. .
Quando Simone ha chiesto delucidazioni gli è stato risposto che avrebbe potuto accedere dal passo carraio. Peccato che la rampa che porta nel cortile e quindi negli uffici abbia una pendenza del 20%. Un suicidio in discesa e un’impresa impossibile in salita. In un secondo tempo gli è stato prospettato un trasferimento in via Farinelli, dove peraltro non esiste uno sportello nel quale offrire le proprie competenze.
Del caso se ne sta occupando la Consulta per le persone in difficoltà. . Alla serie di paradossi se ne aggiunge un ultimo. Fino a gennaio di quest’anno l’ufficio in questione si trovava in via San Marino, in una sede completamente e facilmente accessibile.
Alessandro Porro

Nessun commento: