24 febbraio 2011

LA TURRIS

C’è trepidazione e tanta attesa attorno all’ambiente corallino in questi giorni. Domenica, in occasione della gara tra Turris e Nola, i supporters corallini potranno far ritorno al Liguori. Dopo i fatti di Turris-Ebolitana accaduti il 16 gennaio, i sostenitori della compagine biancorossa furono costretti a starsene buoni buoni a casa nelle gare contro Messina (giocata sul neutro di Capriati al Volturno), Valle Grecanica, Forza e Coraggio (giocata sul neutro di Arzano) e Noto. Per non parlare della gara di coppa Italia contro l’Atletico Trivento in terra molisana di sabato scorso (vinta dai corallini per 1-0, ndr). Un’astinenza lunga più di un mese, che i tifosi hanno dovuto sopportare per disposizione del Casms (Comitato di Analisi sulle manifestazioni sportive, ndr), che non solo ha chiuso lo stadio di Torre del Greco, ma ha imposto anche ai tifosi il divieto di trasferta. Domenica però le porte dell’Amerigo Liguori si riapriranno ai numerosi tifosi che vorranno assistere alla gara. Sarà inoltre, per i tifosi della Turris, l’occasione di festeggiare la vittoria in semifinale di coppa, giocatasi nel silenzio di Trivento. Anche se i tifosi della Turris, hanno già dimostrato, che senza la Turris proprio non sanno stare. Nella partita contro la Forza e Coraggio, giocata sul neutro di Arzano, alcuni sostenitori della formazione torrese si erano addirittura posizionati su di un palazzo abbandonato limitrofo allo stadio, altri su di un cavalcavia sempre vicino allo campo arzanese, pur di vedere uno scampolo di partita. Domenica verranno riaperti tutti e due i settori dello stadio Liguori: distinti e tribuna.
Andrea Ripa

Nessun commento: