19 febbraio 2011

BIGLIETTERIE

Hanno venduto biglietti di ingresso allo stadio per quattro partite (Salernitana-Hellas Verona del 7 novembre, Fiorentina-Cesena del 13 novembre, Bari-Napoli del 23 gennaio e Bologna-Roma), a persone che in base alle norme introdotte con la tessera del tifoso non avrebbero avuto diritto all'acquisto. Per questo, la polizia di Stato ha denunciato 13 titolari delle ricevitorie oggetto degli accertamenti e, per 11 di loro, è stata anche disposta la revoca all'abilitazione ad emettere biglietti. Nel dettaglio, l'abilitazione alla vendita è stata revocata da parte di Lottomatica a 3 punti vendita di Verona, di Ticket One a 3 rivenditorie a Cesena e da parte della Società A.S. Bari a 5 rivendite tra Bari e provincia. Per verificare il rispetto delle procedure imposte dalla tessera del tifoso, che le rivendite autorizzate devono osservare, le questure di tutta Italia effettuano accertamenti sui biglietti venduti, sui nominativi risultanti sui tagliandi e sugli effettivi utilizzatori e, quando necessario, su chi ha emesso i tagliandi. Da novembre a gennaio, rende noto la polizia, l'attenzione degli investigatori è stata quindi rivolta a quattro incontri di calcio, 3 di serie A e uno di lega pro, dove sono stati identificati tifosi in possesso di regolare biglietto emesso a loro nome pur essendo privi di tessera del tifoso.

Nessun commento: