16 ottobre 2010

RISPETTO

“Sia chiaro una volta per tutte, il problema non sono i DASPO, anche perché quelli avrebbero fermato il motore della Nord già molte volte prima… ma sono i biglietti mancanti della Curva Nord! La nostra scelta di questa estate è stata di non aderire all’introduzione della Tessera del Tifoso, solo perché l’articolo 9, tutt’ora in vigore, non consentiva a molti di noi di abbonarsi all’Atalanta”. Firmato Curva Nord. Questo l’incipit del volantino consegnato ai tifosi della Pisani qualche minuto prima del fischio d’inizio di Atalanta-Ascoli. E’ svelato così l’arcano sul malessere della curva. Quindi la solita protesta contro la tessera del tifoso (“Deve essere combattuta e non accettata passivamente”) e l’accusa contro chi ha abbandonato la curva nel momento del bisogno (“In molti ci hanno girato le spalle ed in troppi non rispettano 39 anni di tifo organizzato”).
Riguardo i fatti di Alzano, i ragazzi tirano dritto. “Siamo convinti che i fatti dell’estate scorsa non abbiamo spento il cuore della Nord – si legge sul comunicato - Al contrario, sia stato il non dare il giusto peso alla protesta e alle nostre problematiche”. Si parla anche del ragazzo picchiato nella partita vinta contro il Torino. “Ognuno al suo posto al Bortolotti! Percassi al suo posto, tu che stai leggendo questo volantino al tuo posto, noi abbiamo il nostro posto! Va spiegato chi non sa e ribadito a chi sa che la balconata non è tesserata! […] Tutti sembrano che all’improvviso possano sentirsi in diritto di parlare di Curva, di Ultras, di tifo, senza averli mai visti e conosciuti, nascosti dietro ad un computer ad offendere e sentenziare altri, da veri Ultras da tastiera (la vera rovina del nostro mondo!)”.

Leggi il volantino (tratto da atalantini.com)

Nessun commento: