23 ottobre 2010

ORGOGLIO AMARANTO

Arezzo - Il comitato Orgoglio Amaranto esprime il più vivo disappunto per il divieto che impedirà ai tifosi aretini di seguire la squadra nella trasferta di Castel Rigone. La decisione del Casms, e la palese superficialità con cui le autorità competenti hanno gestito la vicenda, rappresentano uno schiaffo alla logica e una profonda mancanza di rispetto per la passione di tanta gente.
I tempi e le motivazioni del provvedimento restrittivo sono tali da creare un precedente che sarebbe stato meglio evitare, perché priva l’Arezzo del sostegno del suo pubblico e in qualche modo falsa il regolare svolgimento del
campionato.
Il comitato, sempre nel rispetto dei suoi principi fondanti che richiamano ai valori della correttezza e del fair-play, invita anche il sindaco di Arezzo, titolare della delega allo sport, ad attivarsi in tutte le sedi affinché gli sportivi amaranto, nelle prossime settimane e fino al termine della stagione, vengano tutelati nel loro sacrosanto diritto di assistere alle partite esterne della squadra, senza essere vessati da decisioni inique.
“Orgoglio amaranto”, infine, ribadisce la sua vicinanza e il suo sostegno ad allenatore e giocatori, nella convinzione che domani la prestazione in campo sarà ancora più battagliera e determinata.

Nessun commento: