8 ottobre 2010

MODELLO INGLESE

Il fenomeno degli hooligan, gli ultras del calcio britannico che hanno terrorizzato gli stadi del Paese durante gli anni '70 e '80, potrebbe risorgere. A lanciare l'allarme è stata la polizia britannica, che ha fatto sapere che gli incidenti negli stadi sono triplicati e che molti di questi coinvolgono giovani tifosi. Secondo le cifre della polizia, diffuse dalla Bbc, la scorsa stagione calcistica ha visto ben 103 incidenti negli stadi, un aumento esponenziale rispetto ai soli 38 registrati nel 2007. Ancora più preoccupante, secondo la polizia, è il fatto che nel 47% dei casi i responsabili sono adolescenti. Su un totale di 3.211 banditi a entrare negli stadi - cifra aggiornata a settembre - sono infatti 290 quelli contro adolescenti. Quella del divieto d'accesso allo stadio, o anche di viaggiare verso le città dove si tengono le partite in trasferta, è una misura che fu adottata nel momento di massimo pericolo del fenomeno hooligan e che ha permesso di ridurne drasticamente le dimensioni. Un fenomeno in ripresa, quindi, quello della violenza negli stadi britannici. Anche se per ora, dice la polizia, gli incidenti riguardano principalmente le serie minori, dove ci sono meno risorse per contrastare gli ultras.

Nessun commento: