24 ottobre 2010

IL RAPPORTO DELLA QUESTURA DI FIRENZE


Individuato grazie alle telecamere il responsabile dell'accensione di due fumogeni. Un altro barese trovato in possesso di un fumogeno occultato nelle parti intime

Sabato sera a Firenze presso lo stadio "Artemio Franchi” si è disputato l’incontro di calcio Fiorentina–Bari, per il quale erano state adottate le prescrizioni del divieto di vendita dei biglietti di curva Fiesole e Ferrovia ai residenti fuori dalla Regione Toscana, divieto di vendita via Internet e di cessione del biglietto.
All’incontro hanno assistito 19870 spettatori, di cui 813 ospiti, suddivisi in nr. 303 nel settore ospiti e nr. 510 in settore attiguo che hanno raggiunto il capoluogo toscano a bordo di cinque pulman e mezzi privati.

I servizi di ordine pubblico, pianificati nel tavolo tecnico svoltosi in Questura il venerdì precedente e organizzati con specifica ordinanza del Questore Zonno, hanno permesso il pacifico svolgimento della manifestazione e di denunciare quattro tifosi, tre baresi ed un fiorentino, per i reati di possesso di sostanze stupefacenti ed artifici pirotecnici in manifestazione sportiva, due dei quali sottoposti alla misura del Daspo (divieto di accesso alle manifestazioni sportive).

Sono stati impiegati 445 steward abilitati di cui 152 addetti al prefiltraggio e 108 al filtraggio, 103 addetti al soccorso sanitario e 45 alla protezione civile.
Gli steward, in conformità alla normativa vigente, hanno provveduto ad effettuare tutte le attività di bonifica, accoglienza, indirizzamento, osservazione e controllo accessi nei confronti di tutti gli spettatori, previa verifica del titolo di accesso.

A seguito degli accuratissimi controlli di prefiltraggio al settore ospiti, un tifoso barese, di anni 32, trovato in possesso di un fumogeno occultato nelle parti intime è stato denunciato ai sensi dell’art. 6 ter L. 401/89 e poi sottoposto a DASPO per anni uno.
Altri due tifosi baresi, un uomo di anni 31 e una donna di anni 30, sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio rispettivamente di grammi 7.61 e 4,2 di hashish e marjuana suddivisi in otto e sette confezione occultate in pacchetti di sigarette.

Nel corso del primo tempo sono stati accesi due fumogeni in curva Fiesole. Il responsabile delle accensioni è stato individuato, grazie al sistema di videosorveglianza monitorato dal GOS, in un tifoso viola di 33 anni, denunciato ai sensi dell’art. 6 bis L. 401/89 e sottoposto al DASPO per anni 2.

L’attività di filtraggio e prefiltraggio ha inoltre impedito l’introduzione all’interno dello stadio di 619 bottiglie e 267 accendini.

Fonte: Questura di Firenze

1 commento:

Anonimo ha detto...

L’attività di filtraggio e prefiltraggio ha inoltre impedito l’introduzione all’interno dello stadio di 619 bottiglie e 267 accendini.
....meno male...poteva essere una strage...RIDICOLI!!!!!!......CANTA SOLO IL PARTERRE....