11 novembre 2007

Tutte le notizie di oggi su Gabriele

Si chiamava Gabriele Sandri, 26 anni, noto dj della capitale e animatore del 'Piper', il tifoso laziale ucciso questa mattina nella stazione di servizio di Badia al Pino, sulla A1, nei pressi di Arezzo, dopo essere stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco, sparato da un agente della Polstrada da 40 metri di distanza. Sandri si stava recando a Milano per assistere alla partita della Lazio con l'Inter.

Un addetto dell'autogrill, che ha assistito ai fatti, dopo l'accaduto ha dichiarato "Si è sentito un colpo in un contesto tranquillo". 16:54 Tafferugli in stadio Ciociaria, petardo ferisce carabiniere

Una partita del campionato d'eccellenza è iniziata con tafferugli tra la tifoseria ospite, quella del Latina e quella del Boville Ernica. Dalla curva che ospitava i tifosi pontini è partito un petardo che è caduto tra i carabinieri in servizio a bordo campo. Due militari soccorsi dai sanitari del 118 sono stati trasportati presso l'ospedale di Frosinone. I medici hanno diagnosticato un trauma acustico. Le loro condizioni comunque non sono gravi. 16:47 Melandri: "Necessario fare chiarezza"

"Ora, per prima cosa, è quanto mai necessario fare prontamente chiarezza sulla dinamica dell'accaduto", afferma in una nota il ministro per le Politiche Giovanili e le Attività sportive, Giovanna Melandri.

"La morte del giovane tifoso - prosegue - è una immane tragedia. Mi unisco al cordoglio per la morte del giovane Gabriele Sandri ed esprimo alla sua famiglia la mia più profonda vicinanza in questo momento di dolore". 16:46 Anfp chiede sospensione di tutte le partite

Il segretario nazionale dell'Associazione funzionari di polizia Anfp, Enzo Letizia, chiede la sospensione di tutti gli incontri calcistici in programma "laddove ciò è possibile, dove quindi gli stati non sono pieni di spettatori".

"Per evitare ulteriori tragedie, dovute a reazioni da parte tutti i tifosi d Italia, e in attesa che venga chiarita la dinamica dei fatti - osserva Enzo Letizia - chiedo la sospensione di tutti gli incontri calcistici in programma negli stadi italiani dove quindi gli stadi non sono già pieni di spettatori. L'Anfp invia il cordoglio più sincero alla famiglia del giovane". 16:43 Il fratello: "Me lo hanno ammazzato"

"Me lo hanno ammazzato a 28 anni con una pistola. Ora le istituzioni facciano la loro parte, con tutti i decreti di urgenza che hanno fatto me lo hanno ammazzato". Queste le parole di Cristiano Sandri, il fratello di Gabriele, appena uscito dalla caserma della polizia stradale di Arezzo.

L'avvocato di famiglia Luigi Conti ha detto: 'E' stato un omicidio volontario, voglio vedere se avete il coraggio di mettervi contro la polizia".

16:37 Torino-Catania, tifosi granata ancora fuori per protesta

Spalti ancora disertati dagli ultras, allo stadio Olimpico dove si sta svolgendo la partita tra Torino e Catania. I tifosi granata, che in un primo momento sembrava dovessero entrare a partita in corso, proseguono anche nel secondo tempo la loro protesta per il tifoso laziale ucciso questa mattina in un'area di servizio sull'autostrada A1. I settori centrali delle curve Maratona e Primavera continuano a rimanere vuoti. Stessa protesta, nel settore ospiti, da parte dei tifosi siciliani. 16:31 Sap polizia di Torino denuncia "assurdo clima guerriglia"

La Segreteria Provinciale del Sindacato autonomo di Polizia di Torino denuncia "l'assurdità di un clima di guerriglia che bande di pseudo tifosi mettono in atto ogni domenica nelle strade italiane. Clima che poi può generare fatti come quello di Arezzo". 16:35 A Milano, ultras verso sede Rai

Il corteo di tifosi di Inter e Lazio che si è formato allo stadio di San Siro si trova ora in via Caprilli e si sta dirigendo verso la sede Rai di Milano. I manifestanti, secondo la questura, sono circa 200, per la stragrande maggioranza interisti. 16.30 Sospesa Quelli che il calcio

Il Direttore di Raidue Antonio Marano, d'intesa con il Vice Direttore Pasquale D'Alessandro, Simona Ventura e la squadra autoriale di "Quelli che il calcio", ha deciso di mandare in onda una versione ridotta della trasmissione dedicandola interamente a un approfondimento sulla morte del tifoso della Lazio ucciso stamane. Il carattere leggero, allegro e satirico del programma non si sarebbe infatti conciliati - è scritto in una nota ufficiale - con il clima di queste ore domenicali. Nel rispetto del proprio pubblico è stato dunque valutato di non fare in modo consueto la puntata di "Quelli che il calcio" e alle 15 circa la linea è passata a un film. 16:24  Roma, iniziato pellegrinaggio sotto casa di Gabriele

E' iniziato il pellegrinaggio di amici e conoscenti sotto casa di Gabriele Sandri, nel quartiere Balduina a Roma. I primi ad arrivare sono stati un ragazzo e due ragazze, una delle quali in lacrime.

I tre, che sono apparsi molto turbati, hanno lasciato di fronte alla porta di casa di Gabriele due mazzi di fiori. Su un biglietto c'è scritto: "Nemici in campo, amici per strada. Bella, Gabriè ". Sull'altro: "Sentendomi morire assieme a voi, vi voglio ringraziare per aver messo al mondo un angelo che da sei mesi è la mia metà " firmato Lucrezia. 16:20 Due i proiettili sparati dall'agente

Sarebbero due i proiettili sparati dall'agente della pattuglia della polstrada intervenuta dopo i tafferugli scoppiati nell'area di servizio di Badia al Pino (Arezzo), in A1. Il poliziotto avrebbe sparato una prima volta in aria a scopo intimidatorio. Poi forse un secondo proiettile potrebbe essere partito accidentalmente dalla pistola. Ma la dinamica di quanto accaduto, si spiega, deve essere ancora definita. 16:19 Arezzo, in caserma polstrada padre, fratello e amici Sandri

Nella caserma della Polstrada di Arezzo in questo momento si trovano il padre, il fratello e i quattro amici che erano in macchina con Gabriele Sandri. Pochi istanti fa è uscito dalla caserma il fratello di Gabriele, Cristiano Sandri, che ha urlato, con le lacrime agli occhi: "Fatemelo vedere, voglio vedere come l'hanno ammazzato". 16:15 Melandri: "Condivido decisione Figc"

"In queste ore passate in continuo contatto con il ministro dell'Interno Amato e con gli organismi del mondo del calcio ho condiviso la decisione del presidente Abete di sospendere immediatamente lo svolgimento di Inter-Lazio e di procedere ad uno slittamento dell'inizio delle altre partite come segno di lutto e di pausa di riflessione". Lo afferma in una nota il ministro dello Sport, Giovanna Melandri. 16:14 Arezzo, sulla A1 rilievi della scientifica

Rilievi della polizia scientifica sono in corso non solo nell'area di servizio di Badia al Pino, sulla A1, dove stava transitando l'auto con a bordo Gabriele Sandri, ma anche nell'area di servizio gemella situata al lato opposto della carreggiata. Si cerca il bossolo del colpo - ma potrebbero essere anche due - che ha ucciso il giovane tifoso bianco-celeste. 16:10 Berlusconi: "Giornata terribile. Mannaggia"

"E' stata una giornata terribile. Mannaggia, mannaggia...". Così Silvio Berlusconi commenta tanto la notizia dell'uccisione del tifoso laziale quanto quelle degli incidenti che arrivano dagli stadi italiani. A chi gli domanda se non sarebbe stato meglio sospendere tutte le partite di serie A, l'ex premier risponde dicendo "questo non lo so". 16:08 San Siro, tifosi Inter e Lazio davanti allo stadio

Sono ancora nei pressi dello stadio i tifosi di Inter e Lazio che si sono radunati fuori da San Siro. I tifosi hanno fatto un breve corteo nella zona di San Siro e ora si trovano nuovamente davanti allo stadio, nei pressi dell'Ippodromo, chiuso dopo l'annullamento della gara Inter-Lazio. 16:04 ; Parma, corteo di tifosi intorno al Tardini

Proteste anche a Parma per la morte del tifoso laziale. Un corteo di tifosi non chiaramente identificati, si dice congiunto tra tifosi del Parma e della Juventus, ha sfilato non autorizzato attorno allo stadio Tardini durante la partita Parma-Juventus. Sarebbero circa 150 e avrebbero anche scaricato sulla strada il contenuto di alcuni estintori. Il fumo degli estintori si è alzato dalla curva sud e si è visto anche all'interno della struttura. La polizia avrebbe controllato i movimenti dei tifosi senza intervenire.

16:02 Vescovo Arezzo: "Non aggiungete violenza a violenza"

"Non aggiungete violenza a violenza. Non inscenate scontri per un senso di vendetta o ribellione. La vendetta genera soltanto ulteriore dolore". E' l'appello lanciato ai tifosi dal vescovo di Arezzo Gualtiero Bassetti. "Lo sport - ha aggiunto - non è dolore. Lo sport è svago e sorgente di piacevole distensione. Lo sport è rispetto per l'avversario e sana competitività. Lo sport è solidarietà che non può essere macchiata da gesti inconsulti". 15:48 Arezzo, slogan tifosi laziali fuori dalla caserma polstrada

"Assassini, assassini": questo il grido che si è levato da un gruppo di circa quindici tifosi della Lazio davanti alla caserma della polstrada di Arezzo, dove si trovano gli investigatori che indagano sulla morte di Gabriele Sandri, e dove c'è anche il fratello della vittima. Il grido è partito quando davanti all'ingresso della caserma è arrivata una camionetta della polizia seguita da un carro attrezzi. I tifosi laziali sono arrivati ad Arezzo da Roma dopo aver saputo della morte del giovane. 15:46 In corso interrogatorio agente polstrada

E' in corso in procura ad Arezzo l'interrogatorio dell'agente della polizia stradale che ha sparato al tifoso della Lazio nell'autogrill Badia al Pino, in provincia di Arezzo. L'agente avrebbe una trentina di anni e diversi anni di esperienza in polizia. Da una prima ricostruzione sembra che l'agente fosse in auto con un collega nella corsia opposta a quella dove si trova l'autogrill. quando si è accorto della rissa, i poliziotti avrebbero fermato la macchina e attraversato l'autostrada. L'agente avrebbe sparato due colpi, da una lunga distanza, uno dei quali avrebbe colpito il tifoso della Lazio. 15:43 Gramazio: "Amato spieghi in Senato"

Il senatore Domenico Gramazio di Alleanza nazionale ha chiesto formalmente che il governo, nella persona del ministro degli Interni, Giuliano Amato, vada domani in apertura di Senato alle ore 16 a riferire del grave fatto che ha portato alla morte di un giovane tifoso della Lazio. "Il governo - dice Gramazio - deve spiegare tutti i fatti". 15:42 Milano, ultras via da commissariato

Dopo essere rimasti circa mezz'ora di fronte al commissariato San Siro di via Novara che hanno preso di mira con sassi e bottiglie, gli ultras in corteo stanno marciando nuovamente verso lo stadio Meazza. Secondo alcune voci, avrebbero intenzione di dirigersi verso la sede Rai di Corso Sempione. Sulla strada il corteo ha lasciato un paio di falò. 15:41 Fiorentina-Udinese, cori contro polizia, governo e pay tv

Qualche coro contro la polizia, contro il governo e la pay tv è stato urlato prima dell'inizio di Fiorentina-Udinese dalla curva Fiesole e dal settore dei supporter dell'Udinese nello stadio Franchi di Firenze. Questi ultimi sono stati però subito fischiati dal pubblico della curva Marione. "Non ne possiamo più delle divise blu - questi gli slogan - no a questo governo, no alla pay tv". 15:39 Cori dei tifosi del Siena contro la polizia

Cori e offese contro le forze dell'ordine ci sono stati da parte anche dei tifosi del Siena dopo quelli urlati dai supporter del Livorno, nello stadio senese dove si gioca Siena-Livorno. Le due opposte tifoserie, solitamente accese rivali, si sono unite nei vari cori contro polizia e carabinieri. E' stato anche cantato "Sospendete la partita, sospendete la partita". Inoltre, come già avevano fatto quelli del Siena, anche i tifosi livornesi hanno tolto gli striscioni. 15:38 Reggina-Genoa, cori contro la polizia

Cori contro la polizia nello stadio Granillo di Reggio Calabria durante Reggina-Genoa per protesta contro l'uccisione del tifoso della Lazio in provincia di Arezzo. Ad intonare i cori, sin dai primi minuti della partita, sono stati i sostenitori di entrambe le formazioni. La protesta è stata concordata nel corso di un incontro tra delegazioni delle due tifoserie prima della partita.

15.37 Fratello morto a colloquio con gli investigatori

Cristiano Sandri, fratello di Gabriele, il tifoso della Lazio ucciso stamani in autogrill, si trova all'interno della caserma della polstrada ad Arezzo e sta parlando con gli investigatori della polizia. Poco fa il capo della mobile di Arezzo Marco Dal Piaz ha detto: "Stiamo lavorando in pieno rispetto delle regole e con professionalità per accertare quando accaduto. Di più non posso dire".

15:29 Striscione tifosi Parma: "Morte uguale per tutti"

"La morte è uguale per tutti", questo lo striscione esposto dai tifosi del Parma, durante la gara con la Juventus, nella curva riservata ai sostenitori gialloblu e firmato dai "Boys". Il riferimento è alla morte del tifoso della Lazio, Gabriele Sandri, deceduto questa mattina presso l'area di servizio di Badia al Pino. I tifosi della Juventus presenti al Tardini hanno invece tolto gli striscioni. Comunque all'interno dello stadio di Parma, la situazione è tranquilla. 15:27 Coro ultrà Livorno: "Assassini, assassini"

"Assassini, assassini": è quanto hanno urlato, insieme ad altri cori e slogan contro polizia e carabinieri, alcuni tifosi del Livorno allo stadio di Siena, dove si gioca Siena-Livorno. I tifosi senesi invece, hanno deciso di ritirare gli striscioni dalla propria curva ed evitare di cantare cori e urlare slogan in sostegno della squadra in segno di rispetto per Gabriele Sandri, il tifoso laziale morto. Il grido 'assassini, assassini è partito dai tifosi del Livorno proprio quando i senesi stavano ritirando i loro striscioni.

15:23 Milano, sassi contro un commissariato

Il corteo di circa 400 ultras di Inter e Lazio si è fermato di fronte al commissariato di polizia di via Novara a Milano. I manifestanti hanno occupato le due carreggiate e dalla folla qualcuno ha lanciato sassi verso il commissariato. Al corteo si sono aggiunti una cinquantina di ultras del Varese noti anche come estremisti di destra. 15:22 Un amico: "E' stato assassinato"

E' stato assassinato. Così gli amici di Gabriele Sandri sintetizzano l'accaduto nell'autogrill di Arezzo. "Tutto è cominciato verso le 9 del mattino - ha raccontato Francesco, amico di Gabriele - quando nell'autogrill c'è stato un battibecco tra tifosi delle Juventus e della Lazio, poi uno spintone, qualche pugno. Niente di grave. Quindi mentre il Dj rientrava in macchina un colpo è volato dall'altra parte dell'autogrill, a circa 40 metri, e Gabriele è morto sul colpo, colpito da una pallottola in faccia". 15:20 Alemanno: "Accertare tutte le responsabilità"

"Questa tragica morte colpisce tutto il mondo sportivo della Capitale. Esprimiamo il nostro cordoglio ai familiari del ragazzo deceduto e a tutti i tifosi della Lazio. Chiediamo alle autorità inquirenti di accertare tutte le responsabilità per evitare che si crei un clima di sospetto tra il mondo dei tifosi e le forze dell'ordine che compiono il loro dovere ogni domenica per garantire il regolare svolgimento delle partite". E' quanto afferma il parlamentare e presidente della Federazione di Roma di An, Gianni Alemanno.

15:19 Veltroni: "Una morte che lascia senza parole"

"La morte del giovane tifoso laziale lascia senza parole. La città si unisce al dolore che in questo momento stanno provando i familiari di Gabriele Sandri, i suoi amici, la Lazio e i suoi tifosi. E' urgente sia fatta piena luce su quanto accaduto". Lo ha detto il sindaco di Roma, Walter Veltroni. 15:17 Alle 17 conferenza stampa questore di Arezzo

Una conferenza stampa è stata convocata dal questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe alle 17, nella questura della città toscana, per la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri. 15:09 Torino, niente striscioni e ingresso ritardato per protesta

Niente striscioni e settori centrali delle curva Maratona e Primavera deserti, allo stadio Olimpico di Torino. E' la protesta dei tifosi del Torino per la morte di Gabriele Sandri. I tifosi occuperanno gli spalti, fanno sapere i gruppi organizzati del tifo granata, alcuni minuti dopo il fischio d'inizio della partita contro il Catania 15:07 Prc e Verdi chiedono sospensione del campionato

Prc e Verdi chiedono lo stop. "Dopo il grave episodio accaduto è necessario sospendere tutte le partite di calcio in programma: fermiamoci tutti, bisogna capire cosa è successo", dice il responsabile sport del Prc, Antonio Ferraro. "E' incomprensibile come in momenti tragici come questo il mondo del calcio non decida di fermarsi", gli fa aco il capogruppo dei Verdi alla Camera Angelo Bonelli

14:58 Milano, cameraman Tg4 picchiato da ultras

Un cameraman che stava compiendo riprese per il Tg4 davanti allo stadio di San Siro ha subito un'aggressione da parte di ultras, e si trova ora al pronto soccorso dell'ospedale San Raffaele per essere medicato. "Ho effettuato due minuti di ripresa mentre i tifosi insultavano gli agenti - ha raccontato al telefono l'operatore televisivo -. Poi mi sono allontanato, ma sono stato aggredito alle spalle con calci e pugni, e hanno anche sfasciato la telecamera" 14:55 Milano, corteo ultras verso piazzale Lotto

Un corteo composto da alcune centinaia di tifosi di Inter e Lazio ha raggiunto il piazzale Axum, antistante lo stadio Meazza, ed è partito lungo la strada che conduce fino a piazzale Lotto. I tifosi marciano compatti occupando l'intera carreggiata

14:50 Alle 16,30 fiaccolata a Roma

Oggi pomeriggio alle 16,30 a piazza Euclide, a Roma, fiaccolata in ricordo di Gabriele Sandri 14:49 Casini: "Spero che non si apra caccia al poliziotto"

"Esprimo il cordoglio più sincero alla famiglia del ragazzo ucciso e a tutti i tifosi della Lazio". Lo dichiara Pier Ferdinando Casini, che aggiunge: "Mi auguro che il dramma di queste ore non riapra quella assurda e ingiustificata 'caccia al poliziotto' che si è scatenata in casi analoghi"

14.49 Abete: Episodio che non deve generare tensione

Il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete ha spiegato che "la Figc si assume interamente la responsabilita' della decisione di rinviare Inter-Lazio a data da destinarsi" per l'episodio del tifoso laziale ucciso in un'area di servizio dell'A1, nell'aretino. "Sarei intellettualmente disonesto se dicessi che non abbiamo pensato di rinviare tutte le gare di oggi - ha aggiunto - ma alla fine riteniamo di aver preso la decisione giusta". Secondo Abete, inoltre, "la dinamica dell'episodio e' tutta da chiarire e comunque non deve inasprire i rapporti tra una parte delle tifoserie e le forze dell'ordine perche' quanto accaduto non e' chiaro e potrebbe anche essere casuale" ha concluso parlando la microfono di Sky Calcio Show 14:40 Questore: "E' stato un tragico errore"

"E' stato un tragico errore". Lo ha detto il questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe, riferendosi alla morte di Gabriele Sandri. "Il nostro agente era intervenuto per evitare che i tafferugli tra due esigui gruppi di persone che non erano stati individuati come tifosi degenerassero con gravi conseguenze per entrambi.

Esprimo profondo dolore e sincere condoglianze alla famiglia della vittima"

14.35 Pulvirenti 'Giornata tristissima'

Il presidente del Catania Antonino Pulvirenti ha commentato ai microfoni di Sky la morte del tifoso della Lazio nell'area di servizio della A1 Badia al Pino in provincia di Arezzo. "E' una giornata tristissima, c'è scoramento da parte di tutti per la morte di questo ragazzo. E' veramente una giornata molto triste " ha detto il presidente del Catania, che ha ricordato la tragica morte dell'ispettore di polizia Filippo Raciti lo scorso 2 febbraio durante gli scontri tra tifosi nel derby Catania-Palermo. "Qualcosa bisogna fare prosegue Pulvirenti -. Serve ancora una volta sedersi e fare di tutto perché queste cose non accadano più. Mi auguro che la gente capisca che la polizia non c'entra". Sul rinvio di Inter-lazio e l'inizio ritardato delle altre partite, Pulvirenti si è detto "assolutamente d'accordo".

14.28 Striscione a San Siro 'Amato dimettiti'

Continuano le proteste davanti lo stadio di San Siro. I tifosi interisti e laziali hanno esposto uno striscione: "Amato dimettiti. Per Raciti fermate il campionato ma la morte di un tifoso non ha significato". 14.16 Lotito 'Non è stato uno scontro con la pollzia'

Il presidente della Lazio Claudio Lotito è intervenuto telefonicamente a "Quelli che il calcio" per evitare che la vicenda del tifoso biancazzurro ucciso possa portare a una criminalizzazione della polizia. "Bisogna sottolineare con forza - ha detto Lotito - che non è stato uno scontro con le forze di polizia. La polizia non ha sparato contro le persone. L'elemento scatenante ancora non è noto, ma si sa che la pattuglia veniva nell'altro senso di marcia e che per senso di responsabilità è intervenuta in un confronto-scontro tra due macchine di due tifoserie diverse". "Bisogna contribuire tutti insieme - ha proseguito Lotito - a creare il rispetto della cultura della legalità e uno spitiro sportivo affinché episodi come quelli di oggi non accadano mai più".

14.16 L'avvocato: "Colpito al collo mentre era in auto"

Sarebbe stato colpito nella parte posteriore del collo, mentre si trovava in auto, Gabriele Sandri, 26 anni, il tifoso laziale morto stamani nell'area di servizio di Badia al Pino sull'A1. E' quanto ha riferito l'avvocato Luigi Conti, arrivato alla caserma della polizia stradale di Arezzo, e che si è qualificato come un amico della famiglia della vittima. Il proiettile sarebbe entrato nella vettura, una Renault Megane, infrangendo il lunotto posteriore sinistro. Dopo l'accaduto l'auto è stata portata alla caserma della polizia stradale di Arezzo, con all'interno la salma. Il corpo di Sandri è stato poi rimosso intorno alle 13.30 14:00 Reggina-Genoa, tifosi tolgono striscioni

I tifosi della Reggina che si trovano nello stadio Granillo in attesa dell'incontro col Genoa hanno raccolto gli striscioni in segno di lutto per la morte del tifoso della Lazio 13:57 Avvocato amico famiglia Sandri: "E' stato un tirassegno"

"E' un reato perpetrato dalle forze dell'ordine, lo dicono i tifosi, sentite loro. E' stato un tirassegno". Lo ha detto ai giornalisti l'avvocato Luigi Conti, che ha riferito di essere amico della famiglia di Gabriele Sandri. L'avvocato ha raggiunto la caserma della polizia stradale di Arezzo. Ha anche spiegato di aver assistito ai primi rilievi nell'auto su cui viaggiava Gabriele

13.58 Scientifica sequestra filmati

La polizia scientifica ha sequestrato i filmati delle telecamere a circuito chiuso della stazione di servizio di Badia Al Pino dove è morto questa mattina Gabriele Sandri. 13:52 Inter-Lazio rinviata a data da destinarsi

E' ufficiale: Inter-Lazio è stata rinviata a data da destinarsi 13:51 I minuti di ritardo sono 10, si gioca col lutto al braccio

Le gare di serie A cominceranno con 10 minuti di ritardo. Lo ha deciso la Figc, in accordo con la Lega, dopo l'uccisione del tifoso laziale sulla A1. Giocatori e arbitri scenderanno in campo con il lutto al braccio 13:50 Vedova Raciti: "Sono *** chiudere gli stadi"

"Ma come si fa a chiamarli ancora tifosi, i protagonisti di questa vicenda chiamiamoli con il loro vero nome: *** autorizzati". Così Marisa Grasso, vedova dell'ispettore Filippo Raciti, commenta la morte di Gabriele Sandri. Secondo la donna, l'unica soluzione al problema ultras è "la chiusura degli stadi

13.50 Direttore autogrill 'Tutto in pochi attimi'

I dipendenti del locale non si sono praticamente accorti di nulla. Tutto si è verificato in pochi attimi. Un minuto, al massimo due". Lo ha riferito Paolo Agutoli, direttore dell'autogrill di Badia al Pino (Arezzo), dove è morto il tifoso della Lazio. Lui però al momento degli incidenti non si trovava sul posto. "Da quanto si è capito - ha riferito - a uccidere il ragazzo è stato un colpo di pistola, mentre la polizia stradale stava effettuando dei controlli ai tifosi laziali. Pare che precedentemente, ci sia stata un'aggressione ai danni di un gruppo di juventini, ma non sappiamo i particolari dell'accaduto" 13.50 Cori contro le forze dell'ordine a San Siro.

Sul piazzale di San Siro circa 200 ultras nerazzurri si sono radunati e hanno intonato ripetuti cori contro le forze dell'ordine. Il corteo si è avvicinato all'ingresso riservato alle squadre, ma dopo pochi minuti è tornato compatto sul piazzale antistante allo stadio, sempre sotto il controllo degli agenti 13.49 Parma-Juve, tifosi tolgono striscioni

I tifosi della Juventus presenti allo stadio Tardini' di Parma per la gara tra i bianconeri e i gialloblu hanno tolto gli striscioni dal loro settore, dopo la morte del tifoso della Lazio 13.45 Tifosi laziali 'Gli ha sparato la polizia'

"Gli ha sparato la polizia". E' quanto sostengono alcuni tifosi della Lazio che non erano presenti nell'autogrill, ma che riferiscono quanto dicono di aver appreso da altri supporter che erano con il giovane ucciso. Secondo questa ricostruzione nell'area di servizio di Badia al Pino, dove il giovane è morto, "non ci sono stati tafferugli, ma solo una piccola scaramuccia tra due auto di tifosi laziali e juventini. Il nostro amico è stato ucciso mentre era in macchina che stava uscendo dal'area di servizio. Gli hanno sparato i poliziotti, scrivetelo, che si trovavano nella carreggiata opposta". 13.40 Inter-Lazio non si gioca, le altre partite di serie A in calendario oggi pomeriggio cominceranno con 15 minuti di ritardo: questa la decisione presa dalle autorità calcistiche, d'intesa col Viminale

13.30 Si tratta di "episodi che danno molta preoccupazione". Commenta così gli scontri tra tifosi laziali e juventini avvenuti nell'area di servizio di Badia al Pino dell'autostrada A1 di Arezzo, durante i quali un uomo è stato raggiunto da un colpo mortale, il presidente del Consiglio Romano Prodi, che spiega ai cronisti di essere stato avvertito di quanto avvenuto dal ministro dell'Interno Giuliano Amato. 13.25 Stiamo accertando la dinamica di quanto è avvenuto, cosa e come sia successo". Lo ha detto il questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe sulla morte del tifoso della Lazio. "Siamo dispiaciuti", ha affermato. Ha poi spiegato: "Una volta accertate le responsabilità chiunque sia stato sarà perseguito rigorosamente". 13.20 Milano, proteste ultrà di basket

Durante il primo quarto di gioco del derby lombardo di basket tra Armani Jeans Milano e Cimberio Varese, in corso al Datchforum di Assago, i tifosi della curva milanese hanno abbandonato il palazzetto in segno di protesta per l'uccisione del tifoso della Lazio. I tifosi della squadra varesina, che invece sono rimasti al loro posto, hanno indirizzato nei confronti dei poliziotti presenti il coro "Assassini, assassini. 13.16 Inter-Lazio verso il rinvio

Il rinvio di Inter-Lazio viene dato per scontato, negli ultimi minuti, specie dopo le parole del presidente laziale Lotito: "Ritengo che il mio intervento presso le istituzioni del calcio portera' a non far disputare la partita'"ha dichiarato il massimo dirigente biancoceleste. I cancelli a San Siro, inoltre, sono tuttora chiusi. Le altre partite dovrebbero cominciare con 15' di ritardo in segno di lutto. Il presidente della Figc Giancarlo Abete e' in costante contatto con il Viminale nella sede di via Allegri.

Nessun commento: