15 novembre 2007

Teatini

CHIETI. A seguito degli incidenti avvenuti domenica scorsa durante l’incontro di calcio Atessa-Chieti, valevole per il campionato di eccellenza, otto ultras sono stati denunciati e raggiunti dal provvedimento di divieto di accesso alle manifestazioni sportive emesso dal questore di Chieti per 3 anni.

Si tratta di D.M. 32 anni di Chieti, I.D, 30 anni di Chieti, D.V. di 28 anni di Chieti, R.M. di 23 anni, di Chieti, e P.M. 25 anni di Francavilla.
I cinque sono stati denunciati «per aver preso parte attiva ad episodi di violenza su persone o cose in occasione di manifestazioni sportive; per aver scavalcato recinzioni interne alla struttura sportiva ; per resistenza a pubblico ufficiale».
Sono stati denunciati anche S.F., 22 anni di Chieti, A.V. 21 anni, di Chieti, P.M 23 anni di Francavilla. Per loro c’è il divieto di partecipare a manifestazioni sportive per i prossimi 4 anni «per aver scavalcato recinzioni interne alla struttura sportiva ; per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, aggravata».
I tifosi, secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine durante l’incontro di calcio hanno invaso la tribuna stampa arrampicandosi dal settore distinti loro destinato e scavalcando un divisorio in muratura, per cercare di aggredire il presidente della squadra avversaria.
Il personale della polizia è subito intervenuto per bloccare i facinorosi che si sono scagliati con violenza contro gli agenti. Durante gli scontri sono rimasti feriti due agenti che hanno riportato ferite guaribili in dieci giorni.
I tifosi sono stati riconosciuti a seguito della visione dei filmati effettuati sul posto da personale della polizia scientifica.

Nessun commento: