19 novembre 2007

La sicurezza si può garantire anche copiando

Il punto di GIUSEPPE PENNISI

Ogni giorno, le cronache ci ricordano che la sicurezza personale sta diventando uno dei problemi più gravi del Paese. L'esito del voto (quando si andrà alle urne) dipenderà in gran misura dai risultati che chi governa potrà mostrare in questo campo.
Uno studio freschissimo della Rand Corp. ammonisce che sulla base di una rigorosa (anche se non esplicita) analisi costi - benefici, i terrorismi vanno non solo dove hanno i maggiori impatti ma anche dove il terreno è più poroso e le forze dell'ordine ricevono meno supporto dal potere politico. Il terrorismo trova terreno fertile dove c'è lassismo nei confronti del teppismo mascherato da tifoseria sportiva. L'Italia, quindi, è diventata una meta preferita per criminalità grande e piccola, con i nessi di quest'ultima con il terrorismo. L'analisi della Rand Corp. dovrebbe indurre il Ministro dell'Interno Giuliano Amato (foto) a meditare: per impostare una soluzione adeguata non basta un modesto aumento di stanziamento (quasi un'elemosina) a favore delle forze dell'ordine, approvato sull'onda dei disordini dell'11 novembre. Sono necessarie una politica e una strategia per attuarla.
Alcune indicazioni sono state date su Il Tempo del 15 novembre. Altre più puntuali vengono dall'analisi della strategia adottata negli Anni Ottanta in Gran Bretagna (dove gli hooligans erano una piaga pur se non legata al terrorismo): riservare parte degli stadi a famiglie, infiltrare Scotland Yard nelle tifoserie per individuare gli elementi facinorosi, applicare il massimo della sanzione a reati nei confronti di persone o cose commessi in rapporto a manifestazioni sportive. Altre ancora vengono da Svezia, Paesi Bassi e Germania dove il compito del controllo delle tifoserie è stato in gran misura demandato alle società sportive in un contesto liberale in Paesi caratterizzati da alta coesione e forte controllo sociale; severe, però, le pene: squalifica o anche la liquidazione delle società. Altre ancora si possono mutuare da come sono stati articolati sistemi di assicurazione privata nei confronti di fenomeni di questa natura; in uno degli ultimi numeri del Journal of Applied Corporate Finance si analizzano le esperienze di Usa, Regno Unito e Germania. C'è quindi un menu vasto di accorgimenti tecnici (da cui scegliere). Può il titolare del Viminale inserirli in una politica coerente ed efficace? Glielo faranno fare i suoi alleati di governo? Oppure le soluzioni tecniche devo aspettare un cambio di governo? E l'Italia subire un ulteriore degrado?

Nessun commento: