01 novembre 2007

Escandescenze savonesi

Savona. Il 14 novembre del 2004, allo stadio Bacigalupo, il Savona ospita l’Aosta per il campionato di calcio di serie D. Tre agenti della Questura si accorgono che un tifoso tiene in mano una bottiglietta d’acqua con il tappo, contravvenendo alle norme di sicurezza, e decidono di intervenire. I poliziotti invitano il tifoso a consegnare la bottiglietta, ma lui dà in escandescenza e apostrofa i suoi interlocutori con un “siete dei nazisti”. Per quell’episodio Giampaolo Pellegrino, un ultras storico del Savona Calcio, è stato denunciato e chiamato a rispondere davanti al giudice di pace delle ingiurie pronunciate. E’ possibile che tra le parti si giunga ad un accordo. Gli agenti hanno garantito di essere pronti, a certe condizioni, a rimettere la querela, mentre Pellegrino è disposto a devolvere a titolo di risarcimento un’offerta al fondo dei familiari di poliziotti caduti in servizio. Il processo è stato rinviato al 26 febbraio dell’anno prossimo.

Nessun commento: