8 novembre 2007

Cinghiate sul web

I disordini di domenica scorsa davanti alla curva A del San Paolo sono ora al vaglio dell´Osservatorio del Viminale che si pronuncerà domani su eventuali provvedimenti a carico dei tifosi del Napoli. Già compromessa, comunque, la trasferta di sabato a Palermo: non ci sono traghetti di linea per riportare a casa i supporter azzurri dopo le 22.30 e la prudenza sconsiglia di lasciarli bivaccare una notte intera nel capoluogo siciliano. Intanto ieri la società è stata multata dal giudice sportivo per l´accensione sugli spalti di dieci bengala e due fumogemi nel corso della gara con la Reggina. Diecimila euro di ammenda, l´ennesimo esborso causato da una tifoseria turbolenta. Che, con frequenza crescente, celebra le sue gesta anche sul web.
Migliaia e migliaia di click e la violenza dei sedicenti tifosi entra nelle case di tutto il mondo. C´è una vetrina su internet che mostra il delirio di teppisti con sciarpe e bandiere azzurre. E ci sono centinaia di fanatici o di curiosi che frequentano questo girone del tifo degenerato. Basta andare su youtube e digitare nel motore di ricerca "scontri Napoli", "tifoseria Napoli" o "ultras Napoli" e scegliere un video. In numerosi casi si tratta di immagini poco chiare, girate con telefonini cellulari da postazioni di fortuna. Raramente l´autore del film si trova al centro dei disordini. Ma questa bacheca della violenza raccoglie materiale assai eterogeneo: spezzoni di antichi telegiornali, riprese che rivelano una regia esperta, montaggi di fotogrammi che celebrano la "mentalità" hooligan. Anche il sottofondo audio è quanto mai vario. Si va dal commento stupito, spaventato o rabbioso di chi assiste in diretta agli eventi, agli slogan dei supporter in corteo, fino ai Carmina Burana cui è affidato l´improbo compito di nobilitare immagini di pullman presi a sassate, pantere in fiamme e battaglie combattute a colpi di cinghiate.
Il gradimento riscosso da questi video è a dir poco sbalorditivo: "Ultras Napoli a Firenze" è stato visto in sette mesi quasi 148 mila volte. Roba da far impallidire molte pellicole del cinema nostrano. Il contenuto? Poco più di tre minuti di marcia di avvicinamento di qualche centinaio di tifosi all´Artemio Franchi di Firenze tra canti minacciosi e scritte in carattere gotico in sovrimpressione che ostentano spavalderia. Di diverso tenore i commenti lasciati dagli internauti al termine della visione. C´è chi si esalta, anche da nazioni lontane, e chi condanna gli atti vandalici.
Una galleria del teppismo, quella visitabile su Youtube, che prevede un identico copione con ambientazioni diverse: a Pescara un gruppetto di ultrà riesce a sfondare (era il 25 novembre 2006) un cancello presidiato da una ventina di poliziotti nonostante il continuo ricorso di questi ai lacrimogeni. Nel settore ospiti di Firenze va in scena un prolungato tafferuglio con le forze dell´ordine ("ammirato" oltre 40 mila volte), a Foggia le violenze sono precedute da una lunga dichiarazione di guerra che rimbalza da una curva all´altra, a Salerno l´aggressione si consuma ai danni di poliziotti che provano ad arginare i napoletani nel cortile dell´Arechi. Un campionario di scorribande che ben spiega la reiterata attribuzione del "rischio 4" alle gare del Napoli.

Nessun commento: