14 novembre 2007

Casarini approva

Il leader del movimento No Global italiano, Luca Casarini, ha definito "giusti" gli assalti alle caserme di Polizia e Carabinieri messi in atto domenica da centinaia di teppisti per vendicare l'uccisione, da parte di un agente, di un tifoso della Lazio.
Casarini ha anche invitato gli ultrá a scendere in piazza sabato prossimo a Genova in occasione di una manifestazione promossa dal movimento antagonista per protestare contro le richieste, da parte dei pubblici ministeri, di punire con severitá coloro che presero parte nel luglio del 2001 alla devastazione di Genova durante le proteste contro il G8 che si teneva in quei giorni nella cittá ligure.
Dichiarazioni, quelle di Casarini, che hanno suscitato la dura reazione del mondo politico.
"Sono parole assolutamente irresponsabili - ha dichiarato Silvana Mura dell'Italia dei Valori, partito che appoggia in Parlamento il Governo di Romano Prodi - ci auguriamo che nessuna forza politica accetti di scendere in piazza al fianco di Casarini".
Sul piede di guerra anche Luciano Ciocchetti del partito centristra Udc, secondo il quale "le dichiarazioni di Casarini sono gravi e preoccupanti".
"Dal Governo - ha aggiunto l'ex democristiano - ci aspettiamo che dimostri, concretamente, di essere vicino alle Forze dell'Ordine".

Nessun commento: