9 novembre 2007

Bravi ultras

Ieri sera al Franchi per la partita contro il non celeberrimo Elfsborg c'erano circa 20.000 spettatori. Un numero importante, importantissimo. Non solo in coppa Uefa, ma anche per affluenza nelle domeniche di campionato e per numero di abbonati la Fiorentina e' nei primi posti in Italia. Questo testimonia senz'altro l'entusiasmo che c'e' a Firenze per le imprese dei ragazzi di Prandelli. Ma ci sono alcuni aspetti molto importanti da sottolineare. Ieri sera per chi ha seguito la cronaca della partita e' stato impossibile non accorgersi che anche di giovedi', anche contro l'Elfsoborg, la voce di chi commentava la gara e' stata ripetutamente sormontata dai cori dei tifosi che hanno sempre sostenuto la squadra, anche quando l'esito della partita era ormai segnato. Un pubblico unico, uno spettacolo senza pari. In Europa e in Italia. Anche senza l'attenzione dei media. Ormai ogni gara della Fiorentina in casa si trasforma in grande festa, alla quale possono partecipare tutti. Si parla tanto di riportare le famiglie negli stadi. Venite a Firenze. Qui i bambini e le famiglie ci sono sempre stati. E ci saranno sempre. La voglia di fare festa insieme a chi condivide la tua stessa passione, di condividerla, nei limiti del possibile, anche con l'avversario, a Firenze e' cosa di tutti i giorni. Non ha prezzo vedere un gruppo di ventenni tifosi dell'Elfsborg percorrere il Viale dei Mille in tutta serenita' per recarsi alla partita, mentre parlano con i loro coetanei fiorentini. Questo e' lo spirito della Uefa, del calcio, ma soprattutto dello sport. Firenze sta lanciando un messaggio importante, non ai media, non alle grandi squadre, alla gente. A chi tifa il calcio e a chi lo gioca. L'atmosfera che si respira sugli spalti del Franchi e' un qualcosa di didattico. Che insegna e che deve essere recepito ed appreso. L'innocente entusiasmo e l'innocuo amore per la propria squadra e la propria citta', uniti all'inimitabile capacita' di accoglienza e all’immancabile buon senso, rendono oggi Firenze, la Fiorentina ma, soprattutto, i suoi tifosi, un esempio a cui guardare con indubbia ammirazione.

Nessun commento: